Infermiera in reparto in bikini: la tuta protettiva (trasparente) le faceva caldo

Un’infermiera dell’ospedale per malattie infettive dell’Ospedale Clinico Regionale di Tula si è recata in corsia ad assistere i pazienti indossando un costume da bagno sotto la tuta protettiva traslucida. A riportare la foto presto diventata virale è stato il quotidiano locale Tula News.

Il Ministero della Salute riferisce che è stata applicata una sanzione disciplinare ricordando la necessità di rispettare i requisiti per l’abbigliamento sanitario. La giovane infermiera si è difesa tentando di giustificare il gesto con il calore eccessivo che provocano i materiali con cui sono confezionate le tute protettive necessarie per prevenire il contagio da coronavirus. “In una tuta protettiva, ha spiegato, faceva molto caldo, e il paramedico ha deciso di non indossare abiti. La ragazza non si aspettava che il costume fosse così visibile“.

Tula è una città di circa 500mila abitanti che si trova a 193 km a sud di Mosca. Come riferisce l’agenzia di stampa RIA Novosti l’ospedale avrebbe ora provveduto a rafforzare il controllo sull’uso di indumenti speciali e dispositivi di protezione individuale da parte di medici ed infermieri.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Disattiva audioDisattiva audioDisattiva audioAttiva audio


Spot

Attiva schermo interoDisattiva schermo intero

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante...

Forse potrebbe interessarti...

La Russia registra oggi oltre 300mila casi di contagio da coronavirus e un terzo dei pazienti si trova tuttora ricoverato in ospedale, oltre 2mila di questi hanno bisogno di ventilatori. Nel paese i casi di decessi ufficialmente attribuiti al Covid-19 sono 2.972. Ieri sono stati registrati 8.764 casi di contagio in piùì, il secondo numero più alto di infezioni dopo gli Stati Uniti e prima del Brasile.

Fonte: Dailymail →

Written by Giacomo Maestri View all posts by this author →

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes.