Da Sanremo al campo, Junior Cally diventa calciatore

Da Sanremo al campo, Junior Cally diventa calciatore

Dal palco del Festival di Sanremo al campo di calcio. Antonio Signore in arte Junior Cally ha deciso di supportare il Fiumicino Calcio 1926 nella corsa all’Eccellenza. Il rapper – penultimo classificato nella kermesse canora terminata sabato – oggi ha firmato il tesserino da calciatore di Promozione. Ad annunciarlo è proprio la società rossoblu: “Domenica 23 debutterà al Desideri”, si legge su Facebook.

Per Junior Cally non è la prima esperienza nel mondo del calcio: in passato, infatti, ha giocato anche nel Focene come esterno d’attacco. Domenica 23 febbraio nel match contro il Tolfa il Fiumicino difenderà il primato Girone A di Promozione laziale con un’arma in più.

Junior Cally a Sanremo

Neanche il tempo di riprendersi da Sanremo, dunque, che Junior Cally è di nuovo in campo. Il rapper si è classificato 22esimo (prima di Riki, arrivato ultimo) con il brano ‘No grazie’, che però è uno dei più trasmessi in radio. Poco prima del debutto sul palco dell’Ariston era stato travolto dalle polemiche per alcuni passaggi del vecchio brano ‘Gioia’ definiti da più parti “misogini” (Lei si chiama Gioia, beve poi ingoia. Balla mezza nuda, dopo te la da. Si chiama Gioia, perché fa la tr*ia, sì, per la gioia di mamma e papà’…Questa non sa cosa dice. Porca tro*a, quanto ca**o chiacchera? L’ho ammazzata, le ho strappato la borsa. C’ho rivestito la mascherà. ‘state buoni, a queste donne alzo minigonne..”).  “Ho provato a spiegare che era un altro periodo della mia vita e che il rap ha un linguaggio descrittivo nel bene e nel male e rappresenta la cruda realtà come fosse un film”, ha replicato lui.