Coronavirus, si può portare il cane a spasso? “Deve essere necessariamente vivo”

“Bizzarra” precisazione dell’ordinanza per il rispetto delle norme di contenimento per l’emergenza coronavirus: a farla sulla sua pagina Facebook ufficiale è il comune sardo di Mamoiada, in provincia di Nuoro. In un post con alcuni chiarimenti in merito ai divieti imposti da Palazzo Chigi, si specifica infatti come sia possibile “portare fuori il cane per espletare i propri bisogni”, ma anche che l’animale in questione “deve essere necessariamente in vita”.

Il post è finito nel mirino degli utenti, che stanno commentando con battute e freddure la precisazione: “Il mio cane è in coma farmacologico, va bene lo stesso?”, “sono un appassionato di tassidermia. Posso portare in giro i miei amici impagliati?”, “ma se il cane funziona a pile è da considerarsi vivo?”, sono solo alcune delle domande rivolte alla pagina. Ma c’è anche chi ringrazia: “Senza volere – scrivono – avete tirato su il morale a tanti”.

Tuttavia, come segnala l’Unione Sarda, la precisazione non è così campata in aria. Perché nei giorni scorsi a Porto Torres “un ragazzo, in maniera goliardica, è uscito di casa con un cagnolino di plastica e a quanto pare in diverse famiglie sarde lo stesso cane viene utilizzato, a turno, da tutti i familiari come pretesto per fare una sgambata fuori”.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante...

Forse potrebbe interessarti...

cane vivo coronavirus-2

Fonte: L’Unione Sarda →

Written by Giacomo Maestri View all posts by this author →

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Aenean commodo ligula eget dolor. Aenean massa. Cum sociis natoque penatibus et magnis dis parturient montes.