Ai funerali di Nadia Toffa i colleghi delle Iene. Giulio Golia: “Era la mia famiglia”

Ai funerali di Nadia Toffa i colleghi delle Iene. Giulio Golia: “Era la mia famiglia”

Tutti i colleghi de ‘Le Iene’ erano presenti questa mattina per dare l’ultimo saluto a Nadia Toffa, la giornalista scomparsa martedì 13 agosto al termine di una lunga battaglia contro il cancro. I funerali si sono svolti alle 10.30 nel Duomo di Brescia, ad officiarli Don Maurizio Patriciello, sacerdote simbolo della ‘Terra dei Fuochi’, a cui Nadia ha dedicato alcuni dei suoi servizi più prestigiosi.. 

“Siamo una famiglia, l’abbiamo vista arrivare, sgomitare, era la mia famiglia”, ha dichiarato Giulio Golia, visibilmente commosso, ai cronisti. “La gente l’amava perché era autentica e l’ha capito – le parole di Enrico Lucci – Se c’è una cosa che va valorizzata di Nadia è che, in un’epoca come questa, piena di odio, di senso di rivalsa, di cattiveria e di rabbia esplosiva Nadia, organizzandosi bene e documentandosi ha convogliato tutta questa avversità in qualcosa di concreto”.

“E’ ancora troppo presto per metabolizzare la perdita di Nadia. E’ troppo prematuro. Adesso mi sento disorientato, Nadia è ancora troppo presente. In questo momento il ricordo è Nadia, in tutto e per tutto, senza che nulla si sia spostato di una virgola”. E’ quanto ha sottolineato all’Adnkronos Matteo Viviani. “Siamo una famiglia e come tutte le famiglie ci abbracciamo e piangiamo assieme. Eravamo tutti lì – ha proseguito – è stato naturale per tutti prendere aerei su aerei anche di notte per riuscire a esserci. Nessuno l’ha vissuto come uno sforzo, lo abbiamo fatto con la voglia di farlo”.

Funerali Nadia Toffa, la diretta: in centinaia al Duomo. Don Maurizio: “Amata e odiata come Gesù” 

Parenti: “Sapeva che sarebbe finita così”

Presente alla celebrazione anche Davide Parenti, ideatore del programma di Italia Uno, che poco prima dei funerali ha deposto una cravatta nera, simbolo della trasmissione. “Soffrivamo il fatto che lei soffrisse – ha dichiarato l’autore in un’intervista al Messaggero – È stata bravissima a portare avanti tutto, nonostante gli attacchi e le operazioni, ma è difficile stare vicino a una persona che ha il destino segnato. E Nadia lo sapeva. È andata avanti lo stesso, ha condotto il programma sapendo che sarebbe finita così”. 

Nadia Toffa, l’autore delle Iene Davide Parenti: “Lei sapeva che sarebbe finita così. Era drammatico”